Dopo aver analizzato il primo blocco della tastiera in questo articolo, passiamo ai rimanenti.

TASTI FUNZIONE (13 tasti)

Il più importante è senza dubbio il primo.

Esc: Escape. Come dice il suo nome serve per ‘fuggire’ da quello che state facendo. In pratica interrompe la funzione in corso e si porta alla situazione precedente (solo per attività, non serve per l’errata digitazione: a questo tipo di errore è preposto il tasto control che vedremo).

F1 – F12: sono 12 tasti funzione ai quali ogni programma attribuisce un’attività specifica, non è possibile quindi stilare una guida. Solitamente il tasto F1 è preposto alla visualizzazione della guida del programma in esecuzione. Il tasto F2, se premuto mentre è evidenziato un file, permette di entrare in modalità rinomina per modificarne il nome. I tasti F5, F8 o F12, a seconda del modello permettono, in fase di avviamento, di entrare nel BIOS del sistema. ATTENZIONE, fatelo solo se siete esperti: la modifica di questi parametri di avvio e configurazione potrebbe rendere il sistema INUTILIZZABILE.

Come potete vedere nella mia tastiera, sotto alcuni tasti funzione sono presenti dei simboli in blu. Se ricordate, queste funzionalità sono richiamabili premendo il tasto fn (blu pure lui). Nella fattispecie:

  • <fn><Esc> = lucchetto: pone il sistema in blocco. Per riaccedervi è necessario digitare la password di accesso (l’avete impostata, vero?).
  • <fn><F1> = luna: mette in ibernazione il sistema. Ancora più potente di quello prima. Oltre a mettere in blocco il sistema, ne congela le funzionalità. Per sbloccarlo è necessario ripremere <fn><F1> e poi inserire la password. Lo stato di ibernazione era molto utile quando esistevano ancora i dischi rigidi con braccio meccanico perché metteva in uno stato sicuro il braccio impedendo che questo rovinasse, in caso di urti o scossoni, il disco rigido; ora, con i dischi allo stato solido (SSD) non esistono più parti in movimento per cui questa precauzione è inutile. Forza anche la scrittura dei dati sul disco e quasi azzera i consumi del dispositivo.
  • <fn><F9> attiva la modalità ‘ricerca’. L’effetto dipende da quale programma è attivo.
  • <fn><F10> fino a <fn><F12> sono i tipici comandi per la gestione della musica.

Convenzione importante.
Avete visto che ho scritto il nome dei tasti tra i simboli minore e maggiore: questa è la corretta dicitura.
Se in una guida trovate che dovete premere il tasto <WIN>, significa che dovete premere un solo tasto (quello con quel nome) e non la sequenza delle tre lettere W, I e N.
Pertanto se vedete scritto di premere i tasti <Ctrl><Alt><Canc> significa che dovete premere i tre tasti con questo nome tenendoli premuti contemporaneamente.

TASTI DI CONTROLLO (13 tasti)

Si trovano a destra del blocco principale, prima del tastierino numerico.

Anche in questo caso i tre tasti in alto sono specifici della mia tastiera e sono poco utilizzati: servono per gestire il livello dei suoni.
I rimanenti sono invece standard.

  • Ins: insert. Se premuto consente di inserire lettere all’interno di una parola invece di sovrascriverle. In molti programmi di videoscrittura questa opzione è stata disattivata per cui l’inserimento è il comportamento standard. n questi casi il tasto è ininfluente.
  • Freccia diagonale (in molte tastiere = home) porta il cursore all’inizio della riga.
  • Pag. freccia su: porta il cursore in alto di una pagina.
  • Canc: cancel. Cancella il carattere a destra del cursore.
  • Fine (in alcune tastiere End). Porta il cursore alla fine della riga.
  • Pag. freccia giù: porta il cursore in basso di una pagina.
  • Le quattro frecce direzionali consentono di spostare il cursore nelle quattro direzioni.

Alcuni di questi tasti inoltre hanno funzionalità particolari se abbinati ai tasti <Ctrl> o <Shift> ma li vedremo in appositi articoli.

Come abbiamo visto in altri casi, nella mia tastiera alcuni tasti hanno una dicitura in blu (attivabile quindi premendo uno dei due tasti (blu) <fn>. Vediamoli nel dettaglio.

  • Stamp R Sist. Consente di fare una fotografia dello schermo (il cosiddetto screenshot) che può essere mandata in stampa o incollata in altri programmi.
  • Bloc Scorr. Blocca lo scorrimento dello schermo. Personalmente mai usato, anche perchè non tutti i programmi lo riconoscono. Se attivato, oltre ad accendersi un apposito led (sulla tastiera o sul tasto stesso) il cursore rimane a metà dello schermo e scorre tutto il resto.
  • Pausa Interr. Genera un’interruzione nell’esecuzione del programma in corso. Anche in questo caso molti programmi lo ignorano.

TASTI NUMERICI (17 tasti)

Tanti anni fa questa parte della tastiera era separata (era il famoso tastierino numerico opzionale) e per inserire le cifre si utilizzavano quelle presenti nel blocco principale (scomodo).

Vediamo anche questa zona nel dettaglio

  • Tre led. Segnalano se è attivo il <BlockNum> (tastierino, vediamo oltre), il <CapsLock> (maiuscolo) e il <BlocScroll>. Come già detto, questi led potrebbero essere presenti sui rispettivi tasti.
  • BlocNum: blocco numerico. Attiva la tastiera numerica consentendo di inserire le cifre da 0 a 9 e il punto decimale. Se digitando i numeri questi non compaiono, prima di rassegnarvi a un guasto della tastiera o del pc, verificate che il tasto sia attivo…
  • 4 tasti aritmetici + – / * permettono di inserire formule matematiche
  • Invio (in alcune tastiere Enter) conferma il dato inserito
  • Cifre da 0 a 9
  • Il punto decimale
  • Se <BlocNum> non è attivo, entrano in funzione i simboli inferiori dei tasti (principalmente per muoversi nello schermo)

Finisce qui il rapido elenco dei nomi e delle funzionalità principali dei tasti. Dal prossimo articolo inizieremo ad analizzare le funzioni dei tasti composti (che si ottengono cioè con la pressione contemporanea di due o più tasti.

Inizierei con l’indispensabile tasto <Ctrl>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.